Tutto quello che devi sapere per misure dei vestiti nella produzione di moda12 min read

Sintesi:

  • Esistono vari sistemi per definire le misure dei vestiti (taglie americane, inglesi, in pollici, unisex, ecc.);
  • Seguire un parametro nella definizione delle taglie è importante sia nella fase creativa, sia per il cliente che acquista il capo, soprattutto online;
  • Audaces accompagna la tua azienda nelle varie fasi della produzione di moda. Fai una prova gratuita della multisoluzione Audaces360!
Prova Gratuita 15 Giorni

Per capire l’importanza della corretta definizione delle misure dei vestiti, immagina di entrare in un negozio e di non trovare un capo con una vestibilità adatta a te.

Questo è un problema che molti consumatori si trovano ad affrontare a causa di una scarsa organizzazione delle taglie dei vestiti nelle confezioni.

Il semplice gesto di indossare un nuovo abito diventa ancora più difficile per i consumatori plus size, o dei consumatori che hanno proporzioni corporee non contemplate dalla maggior parte delle tabelle di misurazione attuali, spesso bloccate in standard obsoleti.

Buona lettura!

Quando abbiamo iniziato a standardizzare le misure del corpo per l’abbigliamento? 

A partire dalle rivoluzioni industriali del XVIII secolo, l’industria tessile ha attraversato grandi trasformazioni. Con la diffusione del prêt-à-porter ha reso possibile la produzione di abiti su larga scala, oggi diffusa in tutto il mondo anche a seguito della globalizzazione.

A tal fine, sono stati effettuati studi antropometrici per l’industria dell’abbigliamento, che hanno permesso di creare le prime griglie di taglie per la produzione di massa.

Questo tipo di produzione si è sviluppato soprattutto dopo la Seconda Guerra Mondiale e, con il concetto di prêt-à-porter, i grandi marchi hanno iniziato a democratizzare le loro creazioni, dando impulso all’industria della moda con prodotti di maggiore qualità e varietà di stili.

Sebbene esistesse un riferimento per le misure del corpo umano, ogni produttore di abbigliamento produceva i suoi capi in base alle misure che considerava standard.

In altre parole, non esisteva un criterio universale. La situazione è cambiata nel 1969, quando l’Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione (ISO, il suo acronimo in inglese) ha stabilito che ogni Paese avrebbe dovuto basarsi sui biotipi nazionali per standardizzare le proprie misure.

Le misure delle taglie in Europa

Le misure delle taglie in Europa

Un momento fondamentale per la standardizzazione delle misurazioni in Europa è senza dubbio rappresentato dalla nascita, a Parigi nel 1875, del Sistema Internazionale di Unità di Misura.

È in questo momento storico che sono state definite le 7 grandezze fondamentali (lunghezza, massa, intervallo di tempo, temperatura, intensità di corrente, intensità luminosa e quantità di sostanza), con l’obiettivo di semplificare gli studi scientifici e gli scambi commerciali.

Nel caso delle misure dei vestiti, però, la situazione non è così semplice. In mancanza di un sistema universale o europeo per definire le taglie, fare delle conversioni matematiche non è immediato: spesso è difficile ricordare a quanti centimetri corrispondono le diverse taglie, e non tutti i capi e gli accessori hanno vestibilità standard.

Nel tempo sono state create delle tabelle per semplificare la conversione. Queste tabelle possono essere utili in linea generale, indicandoci approssimativamente le corrispondenze delle taglie che ci interessano.

Esempio di tabella per la conversione delle taglie

Standardizzazione delle misure corporee per l’abbigliamento in base ai biotipi

Le abitudini e lo stile di vita, così come le forme e le dimensioni del corpo della popolazione italiana, sono cambiate in modo significativo nel tempo.

Ecco perché si sta diffondendo l’esigenza di nuovi studi per aggiornare i dati antropometrici, avvalendosi di tecnologie più avanzate, al fine di ottenere riferimenti molto più fedeli alle reali caratteristiche delle persone.

Per queste ragioni si sta diffondendo la necessità che le etichette dei capi di abbigliamento, oltre a riportare le informazioni sulle taglie standard, dovrebbero contenere anche le misure corporee di riferimento su cui è stato realizzato un determinato capo, secondo le proporzioni del biotipo.

Come si rilevano le misure di un corpo? 

È molto importante sapere come prendere le misure nei punti corretti, perché l’uso del metro in una zona diversa può comportare una differenza nella taglia dell’indumento.

La modella o il modello devono indossare un abito leggero e aderente al corpo, mantenendo una postura eretta per controllare le misure. Inoltre, assicurati di non stringere troppo sulle aree in cui passa il metro, lasciandolo morbido sul corpo.

Ma quali sono le misure di riferimento? Ovviamente dipende dal capo che si desidera creare, ma abbiamo raccolto un elenco di tutte le misure più significative:

  • Circonferenza testa: lunghezza del perimetro della testa.
  • Circonferenza collo: lunghezza presa orizzontalmente intorno alla base del collo.
  • Altezza seno: dalla base del collo (l’inizio della spalla) fino al punto che corrisponde al capezzolo.
  • Altezza vita: dalla base del collo (l’inizio della spalla) fino alla vita (la parte più stretta del tuo torso, sopra l’ombelico.
  • Circonferenza seno: perimetro intorno alla parte più larga del seno, lasciando le braccia distese e rilassate lungo i fianchi. Dietro il metro deve passare appena sopra la chiusura del reggiseno.
  • Circonferenza sottoseno: lunghezza intorno al torso appena sotto il seno lasciando le braccia distese e rilassate lungo i fianchi.
  • Distanza seno-vita: distanza in verticale da appena sotto il seno alla linea della vita.
  • Circonferenza vita: misura della parte più stretta del torso, appena sopra l’ombelico, lasciando le braccia distese e rilassate lungo i fianchi.
  • Circonferenza fianchi: lunghezza calcolata intorno alla parte più larga del tuo corpo, incluse le natiche.
  • Dalla vita a terra: misura dalla vita fino a terra (se vuoi indossare i tacchi, misura la lunghezza desiderata indossandoli!).
  • Larghezza dorso: misura dall’esterno della clavicola (appena prima della spalla) fino all’altra estremità.
  • Lunghezza dorso: misura dalla base del collo fino alla vita.
  • Lunghezza braccio: misura dalla spalla alla lunghezza desiderata passando dal gomito, da prendere con il braccio piegato.
  • Circonferenza bicipite: misurare la circonferenza del bicipite, piegando il braccio per dilatarlo.
  • Circonferenza polso: circonferenza del polso.

Quali sono i vantaggi di prendere misure accurate?

Quali sono i vantaggi di prendere misure accurate?

Sebbene non sia obbligato per i produttori di abbigliamento, prendere misure dettagliate nella creazione dei vestiti è uno strumento molto utile per i marchi. A differenza delle taglie standard, infatti, permette di adattarsi alla diversità dei biotipi, poiché i riferimenti sono già stati studiati, discussi e approvati da esperti del settore.

D’altra parte, questa flessibilità finisce per far lavorare ogni azienda con le proprie tabelle, basate su un pubblico target con caratteristiche corporee molto specifiche.

Come risultato della mancanza di standardizzazione, il consumatore di moda vede un’esperienza che dovrebbe essere piacevole trasformarsi in una faticosa ricerca di un capo della taglia giusta, comodo e con una buona vestibilità.

Ecco i vantaggi rappresentati dalla misurazione e comunicazione accurata delle taglie:

1. Migliore identificazione dei biotipi del pubblico target

Con misure accurate è molto più facile sapere chi indossa un determinato prodotto e quali sono le taglie più richieste nei negozi. È inoltre possibile sapere quale biotipo si adatta meglio al pubblico di riferimento e utilizzare questa informazione come riferimento per le nuove creazioni.

2. Modellistica semplificata

La tabella di misurazione è uno strumento essenziale per la modellazione, una fase del processo di produzione che influisce direttamente sulla qualità del prodotto finale.

Lavorare con tabelle pianificate in base alle diverse proporzioni, taglie e forme del corpo facilita l’interpretazione delle misure, la creazione di basi e la realizzazione di modelli di qualità.

Un modello realizzato a partire da una tabella di misurazione completa, studiata per essere applicabile alla diversità corporea dei consumatori, sarà certamente più ergonomico, confortevole ed esteticamente gradevole.

In altre parole, la standardizzazione della tabella di misurazione ottimizza anche il processo di riutilizzo delle basi e la classificazione dei modelli per taglie diverse da quella utilizzata nel prototipo.

3. Riduzione degli sprechi di materiale

Servendo come base per la creazione, la modellazione e il controllo della qualità del prodotto, la tabella di misura standardizzata contribuisce a ridurre gli sprechi e gli scarti di materiale.

Questo perché è possibile garantire una minore percentuale di errori e di rilavorazioni, rendendo il processo produttivo molto più sostenibile fin dal prototipo.

Scopri di più: Moda sostenibile: significato e consigli per le aziende italiane

4. Migliore esperienza di acquisto nei negozi online e fisici

Come abbiamo già visto, il rispetto di griglie delle taglie standardizzate fa sì che i modelli abbiano una migliore vestibilità e comfort nella maggior parte dei biotipi brasiliani. Questo facilita sia gli acquisti in negozio, quando non è possibile provare i capi in negozio, sia quelli online.

Misurando gli abiti e avendo come riferimento le misure e la forma del corpo della persona che li indosserà, l’acquisto è molto più facile e senza frustrazioni.

5. Riduzione dei tempi di prova

Sicuramente ti sarà capitato di dover portare diverse taglie dello stesso capo in camerino per scoprire quale calza meglio.

Questa pratica prolunga il tempo trascorso dallo stesso cliente in negozio senza effettuare un acquisto, aumentando la possibilità che il consumatore si senta insoddisfatto e non prenda il capo.

Di conseguenza, quando una collezione si basa su una buona tabella di misurazione, il processo di prova degli abiti è molto più breve.

Dopo tutto, se il cliente vede un capo di abbigliamento che gli piace molto, perché frustrare il desiderio di acquistarlo a causa di misure incompatibili?

6. Riduzione del numero di cambi e restituzioni di prodotti

I cambi e i resi dei prodotti rappresentano dei costi per il produttore di abbigliamento, poiché vanno a finire nello stock e il profitto è notevolmente inferiore.

Inoltre, l’alta percentuale di capi rifiutati comporta una mancanza di fiducia nel marchio e alti costi di gestione della vendita al dettaglio.

7. Fidelizzazione del cliente

Se soddisfatto, un cliente tende sempre a ritornare e a consigliare un marchio. Quando si parla di fedeltà, la buona vestibilità e la modellistica possono fare la differenza.

Nel momento in cui una persona trova un bel paio di pantaloni, comodi e che vestono bene, è chiaro che acquisterà di nuovo il marchio.

8. Moda più inclusiva e democratica

Forse una delle questioni più importanti al momento per i consumatori di moda, dopo la sostenibilità, è diffondere una moda che sia accessibile e confortevole per tutti i corpi.

Per questo motivo è fondamentale che lo sviluppo di tabelle per le misure dei vestiti sia il più possibile inclusivo e riveda le sue norme tecniche per adeguarsi alla realtà e varietà dei corpi delle persone.

Senza dubbio sono sempre più numerosi i marchi che hanno aumentato le loro griglie di taglie per includere più persone plus-size, ad esempio, ma il lavoro da fare è ancora lungo.

Scopri di più: 7 consigli infallibili per iniziare una confezione in denim

Dove è possibile percepire i vantaggi della tabella di misurazione?

Dove è possibile percepire i vantaggi della tabella di misurazione?

Ampliando i criteri di misurazione nei capi per uomo, donna e bambino, il lavoro dei professionisti della moda diventa molto più semplice.

Vediamo in quali settori e modelli di business è possibile percepire più direttamente questo impatto:

  • Modellistica: la tabella semplifica la realizzazione dei cartamodelli, facilitando la griglia delle taglie;
  • Taglio e cucito: i settori possono lavorare con maggiore assertività, sapendo quali linee guida seguire;
  • Commercio all’ingrosso e al dettaglio: entrambi possono lavorare in modo più fluido e avere meno problemi con gli scambi e le regolazioni dei pezzi;
  • E-commerce: una maggiore definizione degli standard delle taglie è un grande vantaggio anche per l’e-commerce della moda, semplificando l’acquisto e riducendo i resi.

Scopri di più: Macchinari industria tessile: perché rinnovarli e come scegliere

Standardizza le misure dei vestiti della tua confezione con Audaces Pattern

A seconda della produzione, lo sviluppo taglie del modello di un singolo capo può richiedere ore o addirittura giorni per essere completata.

Con Audaces Pattern, questo passaggio a partire da una base viene eseguito in pochi clic, riducendo notevolmente il tempo dedicato a questo compito.

Per sapere di più su Audaces Pattern e su tutti gli strumenti Audaces360 per la creazione, lo sviluppo e la produzione, richiedi un contatto da parte di un consulente Audaces.

Siamo sempre pronti ad ascoltare le tue sfide nella produzione di abbigliamento e a costruire soluzioni personalizzate e su misura per te!

Conclusione 

Sia i produttori di abbigliamento che i consumatori finali possono trarre vantaggio dalla definizione di standard completi per la definizione delle taglie dei vestiti. In questo modo, è più facile capire quali parametri applicare alla produzione di capi di abbigliamento e come contemplare diversi tipi di corpo, favorendo l’inclusività.

Infine, con questa standardizzazione, le aziende produttrici di moda possono avere maggiore chiarezza sulla quantità di tessuto da utilizzare. Inoltre, per il cliente finale, è più facile scegliere i propri capi (soprattutto online) e fidelizzarsi ai marchi.

Se desideri sapere di più sull’argomento, scarica il nostro e-book gratuito che racconta tutto sulla modellistica digitale:

FAQ

Cos’è una tabella misure?

La tabella misure definisce degli standard per le misure dei vestiti e serve sia a chi produce sia a chi acquista. Ne esistono diversi tipi (taglie americane, inglesi, in pollici, unisex, ecc.).

Dove si possono riscontrare i vantaggi della standardizzazione delle taglie?

Modellistica, taglio, cucito, vendita all’ingrosso, al dettaglio ed e-commerce. Tutti possono lavorare con maggiore successo nelle consegne utilizzando lo stesso parametro per la griglia delle taglie.

Come prendere le misure del corpo?

È necessario indossare abiti stretti e leggeri e mantenere una postura eretta. Il metro a nastro deve aderire nei punti necessari, ma senza stringere, mantenendosi morbido sul corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi cercare qualcosa?
Cerca

Piu recente

Circa l’autore
Audaces
A Audaces é uma multinacional brasileira especializada em soluções para negócios de moda.
Circa l’autore
Audaces
A Audaces é uma multinacional brasileira especializada em soluções para negócios de moda.

Articoli Correlati