Industria tessile: materie prime naturali chimiche7 min read

L’industria tessile ha un rapporto diretto con le più diverse tipologie di materie grezze, al fine di offrire al mercato e alle aziende di abbigliamento le più svariate soluzioni in termini di fibre.

In questo senso, conoscere le principali tipologie di tessuto e il comportamento di ogni materiale utilizzato è essenziale per i professionisti del settore dell’abbigliamento, in quanto a partire da queste conoscenze possono orientare correttamente quale trama è la più appropriata per ogni tipo di abbigliamento da confezionare.

In primo luogo nell’industria tessile le materie prime utilizzate possono essere di origine naturale o chimica. I filati che provengono dalla natura possono essere di origine animale come la lana e la seta, o vegetale, come il lino, il ramiè e il cotone (un materiale ampiamente utilizzato nell’industria tessile).

I materiali grezzi di origine chimica utilizzati nell’industria tessile, invece, possono essere di origine vegetale o petrolchimica e vengono classificati come artificiali e sintetici. I filati artificiali, come l’acetato e la viscosa, si ricavano dalla cellulosa presente nella polpa del legno o dalla lanugine (uno strato di fibre corte aderenti alla superficie del seme di cotone) del cotone.

Le fibre sintetiche sono prodotte utilizzando come materia prima prodotti dell’industria petrolchimica. I più utilizzati sono il poliestere, il nylon (poliammide), l’acrilico e la lycra (elastan).

Di seguito, abbiamo stilato un elenco che presenta le principali caratteristiche di alcuni tessuti naturali e chimici. Se desiderate conoscere altri materiali in modo più dettagliato, vi invitiamo a leggere il testo: “Tipi di tessuto dalla A alla Z”.

Quali sono i materiali grezzi naturali più utilizzati nell’industria tessile?

Cotone

Coltivata in quasi tutto il mondo, questa fibra vegetale è una coltura delicata e richiede grandi quantità di pesticidi per combattere e proteggere il raccolto da parassiti e altri predatori.

I maggiori produttori di cotone del mondo si trovano in India, con quasi 6 milioni di tonnellate prodotte ogni anno. Si tratta di un quarto della produzione mondiale, insieme a paesi come la Cina e gli Stati Uniti.

Il Brasile, invece, è al terzo posto nella classifica mondiale delle esportazioni e possiede una grande varietà di cotone, che permette una maggiore diversificazione per l’industria dell’abbigliamento.

piantagione di cotone

Lana

Nota come una delle fibre naturali più utilizzate nella storia, le prime testimonianze dell’utilizzo della lana risalgono all’età della pietra in Turchia. All’epoca, infatti, il pelo di pecora era usato come protezione contro il freddo e l’ambiente.

Nelle Ande, già in epoca precolombiana, gli Amerindi tessevano la lana della Vicuña (una razza di lama andino), perché è una fibra fine e allo stesso tempo resistente all’acqua, grazie alle sue proprietà idroscopiche.

Allo stesso tempo, la lana fornisce un elevato isolamento termico sia per il freddo che per il caldo. Oltre alla sua piacevole morbidezza, ha proprietà che proteggono dai raggi UV e proprietà antiallergiche e terapeutiche.

Bobine di lana con diversi colori e fili

Seta

Ottenuta a partire dal bozzolo di un insettino chiamato “baco da seta”, la seta è considerata una fibra molto resistente e allo stesso tempo delicata e lunga. Sebbene la seta non sia molto brillante, possiede un alto potere assorbente che rende il suo utilizzo molto gradevole anche ad alte temperature.

Il suo costo elevato fa sì che soltanto le grandi confezioni possano lavorare questo materiale nella loro catena tessile, mentre il suo sostituto sintetico è il tricoline realizzato al 100% di cotone.

tessuto seta

Lino

I documenti storici fanno risalire la comparsa del lino a circa 8.000 a.C. Molte testimonianze si trovano nella cultura e nella storia dell’Egitto, dove la sua coltivazione sembra risalire al 2.500 a.C.. Il lino era indossato dalla nobiltà come simbolo di potere, ricchezza ed esclusività.

Grazie alla sua buona adattabilità alle temperature più rigide, gran parte della produzione mondiale di lino viene realizzata in paesi europei come: Polonia, Belgio e Paesi Bassi.

Tra i tre tipi di lino più comuni, quello ideale per ottenere fibre tessili è il lino mezzano, risultato delle fibre e degli oli estratti dal seme della pianta.

E quali sono i materiali grezzi chimici più usati nell’industria tessile?

Viscosa

Originariamente conosciuta come seta artificiale, quando apparve alla fine del XIX secolo, il termine “rayon” è entrato in vigore negli anni ’20. Il termine “viscosa” deriva dal processo di fabbricazione di un liquido che ha un aspetto viscoso, anche se inizialmente organico, usato per produrre rayon e cellofan. Nella storia della moda, le prime testimonianze della produzione tessile di questo tessuto da parte della fabbrica inglese Courtlaud’s sono del 1905.

La viscosa è il risultato dell’estrazione di fibre di cellulosa che provengono dai semi di alcuni alberi e che vengono trasformati in sottili fili di tessuto. Anche se si tratta di un tessuto sintetico, la sua origine è totalmente naturale e realizzata con i resti di legno poco resinato o con la lanugine di semi di cotone.

Elastan

Nota anche con il termine lycra, questa fibra si distingue per il suo rapido recupero da una grande estensione, avendo una buona resistenza alla trazione. Può essere mescolata con altri filati, fornendo un grande comfort ai capi.

I fili di questa materia prima sono stati inventati nel 1959 da Joseph Shivers da DuPont, diventando un grande sostituto e concorrente della gomma. L’elastan è, come qualsiasi tessuto sintetico a base di petrolio, estremamente elastico, ed è anche conosciuto come Spandex.

Questo tipo di materia prima è ampiamente utilizzato nella produzione di tessuti che possono essere composti sia da fibre naturali che sintetiche.

Poliestere

Il poliestere è stato creato nel 1941 dall’ICI negli Stati Uniti, con il suo primo nome di battesimo “Dacron”. Le fibre di poliestere sono generalmente più resistenti all’acqua, essendo un tessuto ad alta durabilità ma molto duro a causa dell’aggiunta di sostanze chimiche, che finisce per renderlo un tessuto poco traspirante.

Si ottiene attraverso l’estrazione di particelle di petrolio greggio o di gas e viene utilizzato anche per la produzione di altri elementi oltre ai soli indumenti come oggetti in plastica, accessori e parti varie per diverse nicchie dell’industria mondiale. Il poliestere è un tessuto largamente utilizzato anche nella produzione di tappeti, tende e biancheria da letto, da tavola e da bagno.

Lyocell

Si tratta di una fibra sintetica ottenuta dall’estrazione della cellulosa da alberi coltivati esclusivamente per tale scopo. Durante la sua produzione viene utilizzato un tipo di solvente a bassa tossicità, simile al comune alcol etilico, ma che viene totalmente riciclato dopo il processo di produzione: si dice che fino al 99,5% di questo materiale venga riutilizzato!

In questo modo, il Lyocell è una delle materie prime chimiche considerate fra le più ecologiche e biodegradabili, anche perché il suo processo di produzione emette pochissime sostanze inquinanti e vengono utilizzati meno coloranti e meno acqua nella sua tintura. Le sue proprietà sono: elevata resistenza, lucentezza, ottima rifinitura e volume, che fa sì che il tessuto sia leggero e non si stropicci facilmente!

 tessuto in poliestere colorato

Come sono prodotte le fibre sintetiche più comuni

I processi di produzione delle materie prime di origine sintetica sono molto simili e includono almeno 4 passaggi:

  1. Viene eseguita una prima procedura chimica chiamata polimerizzazione per combinare e legare le componenti delle fibre, che non è altro che l’unione di macromolecole ripetute.
  2. Le componenti si solidificano e vengono convertite in un liquido denso da strutturare in fibre.
  3. La fibra viene esposta ad un nuovo processo liquido per la creazione dei filamenti del tessuto.
  4. Il filamento viene collocato in apparecchiature di torsione, esposizione al vuoto, ecc. per essere in seguito unito in pezzi di tessuto.

Ora che conoscete le principali materie prime dell’industria tessile, sia naturali che sintetiche, assicuratevi di scaricare il nostro super ebook gratuito con consigli attuali e sorprendenti per la riduzione dei costi in tutti i processi di produzione.

Vi offrirà sicuramente preziosi consigli per migliorare la vostra produzione di moda, riducendo costi e tempo, ottenendo maggiori profitti e aumentando la vostra produttività: buon lavoro!

Circa l’autore

Audaces

Audaces è punto di riferimento mondiale nello sviluppo di soluzioni innovative per il settore moda, integrando processi, persone e tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi cercare qualcosa?
Cerca

Piu recente

Articoli Correlati