Come effettuare il controllo qualità in una confezione di moda11 min read

Sintesi:

  • Il controllo della qualità permette di garantire l’uniformità della produzione, una delle caratteristiche più importanti per un brand;
  • Attuando processi di controllo della qualità, una confezione può risparmiare tempo e materie prime;
  • La tecnologia può essere un’ottima alleata nel controllo della filiera e della qualità. Fai una prova gratuita
Prova Gratuita 15 Giorni

Mantenere la standardizzazione e l’uniformità: una delle grandi sfide per ogni azienda che lavora con la produzione su larga scala. Fortunatamente, azioni come il controllo di qualità sono misure strategiche che possono aiutarci a raggiungere questo importante obiettivo.

Per quanto complessa possa essere, la gestione della qualità è un aspetto indispensabile per il settore industriale, poiché in questo settore vi è la necessità di mantenere il prodotto finale entro alcuni requisiti minimi di qualità.

A tal fine, è importante non solo stabilire criteri per la standardizzazione dei prodotti, ma anche investire in strumenti e persone specificamente dedicate a questo settore.

Vorresti sapere come si fa? Continua a leggere e impara a garantire la massima qualità dei tuoi prodotti in modo pratico e oggettivo:

Cos’è il controllo qualità?

Cos’è il controllo qualità?

Si definisce controllo di qualità l’insieme di attività che hanno lo scopo di verificare se un prodotto realizzato soddisfa i criteri minimi di qualità – interni ed esterni – e di individuare eventuali problemi e difetti produttivi.

Inoltre, la gestione della qualità può essere utilizzata anche come strumento amministrativo, ossia per identificare i fallimenti produttivi e le deviazioni in un determinato processo di produzione, contribuendo così al suo miglioramento.

Un prodotto che rientra negli standard di qualità deve funzionare perfettamente, senza difetti fisici, errori di software e simili, oltre a essere sicuro per il consumo e l’uso durante l’intero periodo di validità.

L’importanza del controllo qualità

Mantenere la standardizzazione è essenziale perché i difetti mettono a rischio l’efficienza e la qualità del prodotto, nonché la visibilità e l’affidabilità del marchio. Per questo e altri motivi è importante tenere presente che il controllo di qualità è un grande alleato della produzione.

È chiaro quindi perché la gestione della qualità è così importante per le industrie, giusto? Se non dovesse esserlo abbastanza, abbiamo elencato altri motivi per cui dovresti investire e migliorare questa strategia. Eccoli:

Mantiene i consumatori sicuri e soddisfatti

Il consumatore finale è la persona che più di tutte analizzerà la qualità del prodotto offerto dalla tua azienda; dopotutto, è lui che lo utilizza e, come tale, è una parte fondamentale per mantenere aggiornato il controllo qualità.

Questo perché eventuali problemi si ripercuotono direttamente sul tasso di soddisfazione del consumatore che, grazie alla presenza online, può sia attrarre che dissuadere nuovi consumatori ad acquistare il tuo prodotto.

Tienilo a mente: un prodotto di qualità è sinonimo di vendite, soddisfazione del cliente, fatturazione e fedeltà! Nel caso di segmenti più stagionali, come l’abbigliamento, una collezione di qualità garantisce l’interesse dei consumatori per le novità in arrivo.

Identifica e previene gli errori

Come abbiamo detto, una delle funzioni del controllo qualità è quella di identificare gli errori e i colli di bottiglia nei processi produttivi. Ciò è dovuto al fatto che, passo dopo passo, il prodotto finale viene valutato e, se vengono rilevate incongruenze, è possibile identificare immediatamente quale fase le ha causate.

In termini di gestione questo è un grande vantaggio poiché, nel caso di aziende che si occupano solo della vendita, è più difficile identificare modelli e possibili guasti nel luogo in cui si verificano.

Garanzia di standardizzazione

La standardizzazione è, allo stesso tempo, l’obiettivo principale e il grande vantaggio del controllo di qualità.

A questo proposito, vale la pena notare che, se ben eseguito, il controllo consente non solo la standardizzazione del prodotto, ma anche quella del processo. Il controllo del processo è uno dei modi più efficaci per garantire il controllo del prodotto finale.

Promuove il miglioramento continuo

Infine, uno dei vantaggi della gestione della qualità all’interno dell’industria è il costante miglioramento fornito dall’identificazione dei problemi e dagli aggiustamenti necessari per farli scomparire.

I miglioramenti si verificano anche in occasione di eventuali modifiche dei criteri di qualità, poiché ciò richiede la revisione di tutti i processi.

Quali sono le funzioni del controllo qualità?

Come abbiamo già detto, la funzione principale del controllo qualità è quella di migliorare la standardizzazione dei prodotti e dei processi, rendendoli più agili, efficienti e redditizi. E questo, indipendentemente dalle dimensioni e dal segmento in cui opera l’azienda.

Ci sono esempi che indicano con maggior forza la funzione primaria del controllo di qualità, come nel caso dell’industria farmaceutica e alimentare. Immagina un farmaco o un alimento che non sia standardizzato in relazione alla quantità, alla confezione e all’aspetto fisico.

Il risultato sarebbe disastroso, soprattutto per l’azienda, che ne sarebbe danneggiata. Lo stesso accadrebbe con un produttore di abbigliamento i cui capi non sono standardizzati in termini di modellazione, taglio, cucitura e simili.

Ciò è negativo non solo in termini di qualità, ma anche di prezzo. Se non c’è controllo e standardizzazione degli input utilizzati nella produzione, non c’è uniformità nel prezzo finale, generando sprechi e perdite.

Per questi motivi, la gestione della qualità è una parte fondamentale nell’amministrazione di qualsiasi azienda e industria, con il rischio di gravi perdite e persino di sanzioni legali.

Quali sono i vantaggi del controllo qualità?

Possiamo citare come principali vantaggi dell’adesione al controllo di qualità:

  • Qualità e miglioramento continui nel settore;
  • Stimolare la cultura della qualità e della standardizzazione;
  • Efficacia nell’allocazione e nell’utilizzo dei fattori produttivi;
  • Riduzione degli errori di produzione e delle rilavorazioni;
  • Riduzione dei costi invisibili e massimizzazione della redditività;
  • Standardizzazione di prodotti e processi;
  • Miglioramento delle vendite, della visibilità del marchio e della fedeltà dei clienti;
  • Identificazione dei colli di bottiglia produttivi e anticipazione dei rischi per la catena produttiva.
  • Miglioramento del flusso produttivo: processi corretti, privi di difetti e che soddisfino i clienti.

Controllo qualità: esempi di applicazione

Il controllo della qualità dei prodotti è uno strumento che può essere applicato a tutti i settori e segmenti – prodotti o servizi, per piccole, medie e grandi aziende.

Per chiarire queste informazioni, abbiamo portato alcuni esempi di applicazione in tre diversi segmenti: alimentare, alberghiero e industriale. Eccoli presentati di seguito:

Settore alimentare

Questo è, tra tutti, il segmento che ha più bisogno di un controllo di qualità. Infatti esistono agenzie governative che ispezionano la qualità dei prodotti e dei processi prima che siano pronti per la distribuzione e la commercializzazione.

Nel settore alimentare, la gestione della qualità ha il compito di verificare che lo stoccaggio dei prodotti, l’imballaggio, i prodotti e i processi siano conformi ai requisiti sanitari.

Poiché coinvolge direttamente la salute dei consumatori, è impossibile per un’azienda alimentare prospera non avere una forte azione di controllo qualità nei suoi prodotti.

Catena alberghiera

Un classico esempio di settore di servizi che richiede una gestione ottimale della qualità è il settore alberghiero. Questo perché il cliente valuta diversi aspetti della qualità che devono essere rispettati.

Pulizia e igiene, servizio, sicurezza, qualità del servizio, integrità fisica: sono alcuni degli elementi presi in considerazione per determinare la soddisfazione del cliente e, come tali, devono essere sotto il controllo dell’azienda.

Industria

Nell’industria, come già detto, il controllo di qualità serve a garantire che i processi avvengano in modo corretto e standardizzato, identificando ed eliminando i problemi che possono verificarsi durante la loro esecuzione.

Come fare il controllo di qualità industriale?

Come fare il controllo di qualità industriale?

Ora che sapete come funziona il controllo qualità, la sua importanza e i suoi vantaggi per le aziende e i settori industriali, è il momento di capire come applicarlo alla tua attività.

Dai un’occhiata alla pratica procedura che abbiamo riassunto di seguito:

Esegui un’analisi dei processi

Il primo passo per rivalutare o implementare la gestione del controllo in un’azienda è la revisione degli attuali processi che coinvolgono la produzione, la gestione, la logistica e la distribuzione.

Vale la pena ricordare che sono proprio i guasti di questo tipo a causare i difetti dei prodotti, quindi è essenziale iniziare da qui.

Definisci le metodologie e gli strumenti da utilizzare

Una volta fatto questo, è probabile che vengano a galla i difetti e i colli di bottiglia della produzione. Non è ancora il momento di agire su di essi, ma di definire le metodologie e gli strumenti più appropriati per risolverli.

Ne abbiamo già parlato qui sul blog: lean manufacturing, just in time, PCP ecc. Appropriati degli strumenti che hanno più senso nel tuo contesto e preparati ad applicarli.

Correggi i guasti

Una volta identificati i problemi, i criteri di qualità e il modo per risolverli, è il momento di mettersi al lavoro! Elabora un calendario e un piano d’azione strategico insieme agli altri responsabili dei settori e inizia a eliminare i problemi in ordine di priorità.

Monitora la soddisfazione dei clienti

Infine, oltre a mantenere un frequente monitoraggio dei processi (soprattutto di quelli che sono stati corretti nelle fasi precedenti), è necessario monitorare i tassi di soddisfazione dei clienti – poiché questo è l’indicatore più diretto per capire se la qualità del prodotto ha avuto gli effetti desiderati.

Quali sono i principali strumenti di controllo della qualità?

Mantenere il controllo su così tante fasi produttive non è un compito facile, vero? Ecco perché contare sull’aiuto di alcuni strumenti specifici fa la differenza.

Diagramma di Pareto

Il diagramma o grafico di Pareto è uno strumento particolarmente importante per la gestione della qualità, perché consente di organizzare le cause di un problema in modo ordinato.

Attraverso il diagramma è anche possibile dare priorità alle richieste in base alla gravità del problema.

Ciclo PDCA

Un altro strumento di risoluzione dei problemi è il ciclo PDCA (plan-do-check-act). Attraverso le azioni previste dalla metodologia – pianificazione, azione, verifica e azione – è possibile arrivare a un piano d’azione interattivo ed efficiente.

Checklist

Le checklist, o liste di controllo, sono solitamente fogli di calcolo per la raccolta e l’analisi dei dati. Nel contesto del controllo qualità, possono essere utilizzate come strumento di controllo delle azioni, organizzando e facilitando la risoluzione dei compiti.

Gestione e controllo della qualità nell’industria tessile

Il controllo qualità è la standardizzazione della produzione utilizzando le specifiche come guida. L’ultimo pezzo cucito deve essere uguale al primo. Un modellista può realizzare un capo in modo perfetto e accurato, ma è molto più difficile controllare la qualità della produzione di massa di centinaia o migliaia di capi.

Per garantire che la produzione avvenga correttamente e per evitare resi, sia i capi in fase di produzione che quelli già finiti vengono ispezionati uno per uno o a campione.

I professionisti del controllo qualità non solo verificano le cuciture, ma controllano anche le misure a campione rispetto alle specifiche originali.

I team di controllo qualità a volte si recano a verificare la qualità presso gli stabilimenti delle fabbriche stesse. Se ci sono errori nella prima ispezione, il responsabile della produzione cerca di correggerli nelle fasi di cucitura o taglio.

Come può essere utile la tecnologia nel controllo della qualità di un’azienda tessile?

Come può essere utile la tecnologia nel controllo della qualità di un'azienda tessile?

Come abbiamo visto, il controllo della qualità tessile è un universo complesso e coinvolge un’enorme gamma di variabili, come i tipi di tessuto, la modellazione, la stampa, passando per il rapporto con fornitori affidabili fino alla consegna dei pezzi al consumatore finale.

Dato il livello di dettaglio della gestione, sommato ai nuovi requisiti dell’Industria 4.0, la tecnologia diventa fondamentale per un efficace controllo della qualità tessile.

Inoltre, investire nella gestione automatizzata aiuta la tua azienda di moda ad adottare pratiche di produzione più sostenibili. In questo senso, scopri cosa può offrirvi Audaces:

Audaces360

Audaces360 è una multisoluzione completa e innovativa che integra tutti i processi dalla creazione alla produzione.

Questo sistema può essere il principale alleato della tua confezione per far sì che i prodotti rispettino le giuste caratteristiche tecniche, evitando sprechi, rilavorazioni e ritardi.

Audaces Isa

Con Audaces Isa puoi controllare e organizzare tutti gli aspetti più tecnici della tua collezione di moda!

Il Fashion PLM Audaces Isa è stato pensato per chi ha bisogno di aiuto nella gestione del ciclo di vita del prodotto moda, un aspetto essenziale per chi desidera lanciare una linea di abbigliamento in modo consapevole e efficace.

Audaces Marker

Una buona gestione delle risorse è un passo obbligatorio per la produzione di abbigliamento e per raggiungere la redditività desiderata. Audaces Marker ti aiuta a risparmiare utilizzando al meglio il tuo tessuto.

Il sistema di piazzamento automatico Audaces, infatti, consente di piazzare qualsiasi capo in pochi minuti.

Conclusione

Ora che sai tutto sul controllo qualità, cosa ne dici di non perderti nessuna novità sul mondo della gestione industriale, soprattutto per l’abbigliamento? Segui il blog di Audaces e non perderti nessun aggiornamento sui contenuti.

FAQ

A cosa serve il controllo qualità?

l controllo della qualità permette di garantire l’uniformità della produzione, una delle caratteristiche più importanti per un brand.

Perché il controllo qualità è importante?

Per ottenere la soddisfazione dei clienti, identificare gli errori, standardizzare i processi e migliorarli nel tempo.

Quali sono i principali strumenti di controllo qualità?

Il diagramma di Pareto, il ciclo PDCA, la checklist.

Circa l’autore

Audaces

Audaces è punto di riferimento mondiale nello sviluppo di soluzioni innovative per il settore moda, integrando processi, persone e tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi cercare qualcosa?
Cerca

Piu recente

Articoli Correlati