Guida pratica alla produzione di abbigliamento efficiente e sostenibile8 min read

Sintesi:

  • La trasformazione digitale nel settore moda permette di ottimizzare i processi, migliorare la comunicazione interna e accelerare il time to market;
  • Le tecnologie cloud sono il fulcro di questa rivoluzione digitale, per condividere informazioni e dati;
  • Scopri come le tecnologie ispirate all’industria 4.0 possono aiutarti a produrre di più e meglio. Prova gratis la multisoluzione Audaces360!

In Italia il settore della produzione abbigliamento è spesso suddiviso in distretti specializzati: confezioni e maglieria, pelle, cotoni e così via.

Il valore aggiunto dato dalla prossimità di piccole e medie imprese si concretizza nella loro capacità di coordinare le capacità produttive con le competenze in ambito creativo, di design, creazione di cartamodelli e lavorazione dei tessuti.

In questo articolo vedremo quali sono i pilastri per garantire la redditività nella moda nel prossimo futuro, analizzando in particolare l’aspetto della sostenibilità e dell’efficienza produttiva.

Continua a leggere!

In cosa consiste la produzione abbigliamento?

Il processo di produzione abbigliamento comprende una lunga serie di passaggi e lavorazioni: dall’aspetto creativo, con il disegno dei bozzetti delle collezioni, passando per la realizzazione della scheda tecnica, dei relativi cartamodelli e dei capi campione, fino alla produzione vera e propria, costituita da taglio tessuti, confezionamento, packaging, logistica e distribuzione.

Nei paragrafi che seguono, proveremo ad analizzare l’impatto dell’innovazione e delle tecnologie 4.0 sull’intero ciclo produttivo, per raggiungere gli obiettivi di una moda più sostenibile ed efficiente.

Per comprendere meglio il significato di Industria 4.0, ti invitiamo a guardare questo video.

La trasformazione digitale nel settore della moda rappresenta una svolta fondamentale, segnando il passaggio da processi strettamente automatizzati a sistemi capaci di operare in modo autonomo. Questa evoluzione è resa possibile grazie all’integrazione avanzata tra le soluzioni software e l’apparato hardware e meccanico impiegato nella produzione. Tale sinergia ha aperto la strada all’ottimizzazione dei processi, rendendo l’obiettivo di efficienza e rapidità non solo auspicabile ma concretamente perseguibile.

Scopri di più: Come disegnare vestiti da zero in modo completamente digitale?

Al centro di questa rivoluzione digitale vi è l’utilizzo delle tecnologie cloud, che giocano un ruolo cruciale nella condivisione di informazioni e dati. La capacità di scambiare in tempo reale dati e insight tra i diversi attori coinvolti nel processo produttivo è diventata una leva strategica per l’innovazione. In particolare, l’efficace comunicazione tra il reparto creativo e quello produttivo emerge come un fattore chiave per la riuscita di questa trasformazione. Rafforzare i canali di comunicazione tra questi due segmenti vitali dell’industria della moda è fondamentale per garantire una collaborazione efficace, con l’obiettivo di accelerare il time to market dei nuovi prodotti.

abbigliamento produzione

L’integrazione digitale va oltre la semplice produzione, coinvolgendo tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto, dalla concezione alla distribuzione. Attraverso l’adozione di tecnologie digitali, attività precedentemente isolate come il design, la modellazione, l’acquisto di materiali, nonché i processi di piazzamento, taglio, confezionamento, distribuzione e vendita, vengono ora gestite in maniera integrata. Questo approccio olistico non solo migliora l’efficienza e riduce i tempi di produzione abbigliamento, ma consente anche un monitoraggio più accurato dell’impatto ambientale delle diverse fasi produttive. La sostenibilità diventa quindi un obiettivo più facilmente raggiungibile, grazie alla possibilità di controllare e ottimizzare l’uso delle risorse lungo l’intera catena di valore.

Scopri di più: Come ridurre i costi di produzione della tua confezione in 7 passaggi

Velocità e sostenibilità sono due tra le leve indicate da McKinsey & Co. come fondamentali per essere competitivi nel mondo della moda. Vediamo perché, nel prossimo paragrafo.

Il punto di vista di McKinsey sul mondo della moda

In una delle numerose analisi che McKinsey & Co ha dedicato al mondo della moda, si legge come i marchi abbiano bisogno di velocizzare e trasformare i processi, adottando un modello di business basato sulla domanda. Per farlo, sono 4 i passaggi essenziali.

1. Ottimizzazione delle procedure esistenti

  • utilizzo di un gestionale che consenta il monitoraggio delle diverse operazioni
  • maggiore efficienza nell’approvazione delle collezioni
  • collaborazione tra dipartimenti e tra azienda e fornitori

2. Digitalizzazione dei processi in tutto il ciclo produttivo

  • analisi dei dati e delle interazioni dei clienti
  • creazioni virtuali in 4D
  • possibilità di generare un pre-pattern per accelerare l’approvazione
  • strumenti di gestione della distribuzione e delle vendite

3. Gestione più efficace e sostenibile del magazzino

  • definizione delle procedure in ottica inbound
  • supply chain più sostenibile con controllo della filiera
  • efficienza nella gestione delle materie prime grazie alla digitalizzazione

4. Ottimizzazione della produzione abbigliamento

  • nearshoring
  • gestione più agile e flessibile della domanda di mercato
  • modello di business più sostenibile, legato all’economia circolare

produzione abbigliamento

Solamente una ventina di anni fa, il mercato del fashion europeo si rivolgeva all’Asia – in particolar modo alla Cina, ma non solo – per delocalizzare la produzione e cercare di ottenere il massimo numero di capi, spendendo il meno possibile. Da allora molto è cambiato e diversi marchi hanno riportato la produzione più vicina ai loro headquarter, sia per ridurre l’impatto ambientale dell’aspetto logistico, sia per essere più agili nelle risposte al mercato, assicurando un’alta qualità a prezzi contenuti.

Un altro cambiamento piuttosto rivoluzionario ha riguardato l’aspetto della durata delle collezioni e di conseguenza dei cicli di produzione. Tradizionalmente, la moda ci aveva abituato a considerare veloce un ciclo di sei mesi per creare vestiti, mentre oggi il time to market si è ridotto fino a sei settimane, per alcuni retailer anche meno.

Le aziende del settore devono dunque trovare il modo di ottimizzare i processi, iniziando da quello creativo che arriva a occupare il 75% del tempo, relegando la produzione vera e propria al restante 25%.

Come migliorare ed equilibrare la fase creativa con quella produttiva? Riducendo i passaggi e le approvazioni intermedie grazie a un uso intelligente della digitalizzazione. Vedremo come fare più avanti su questa pagina.

Non è solo l’aspetto della velocità del time to market a rappresentare un valore aggiunto per il pubblico attuale, sempre più sensibile ai temi ambientali, e che per questo orienta le proprie scelte di consumo a una maggiore sostenibilità.

È sempre McKinsey a fornirci un quadro della situazione, con i risultati di un’indagine che ha visto il 78% degli intervistati confermare la sostenibilità ambientale come un aspetto determinante nelle scelte d’acquisto per quanto riguarda l’abbigliamento, da qui al 2025.

Non è un caso che sempre più brand di moda – ma la tendenza si è estesa agli ambiti più disparati – abbiano adottato l’economia circolare come modello di business basato sul nearshoring, sull’automazione e la sostenibilità della produzione di abbigliamento.

Scopri di più: Moda sostenibile: significato e consigli per le aziende italiane

La tecnologia a supporto di efficienza e ottimizzazione

Come abbiamo visto, uno degli obiettivi strategici più importanti per le aziende della moda riguarda l’ottimizzazione dei processi, per ridurre il time to market e allo stesso tempo i costi operativi.

In quest’ottica, orientare la produzione di abbigliamento a una maggiore sostenibilità ambientale aiuta anche a tenere sotto controllo i costi, grazie a un uso migliore delle materie prime e all’eliminazione degli sprechi.

L’adozione di tecnologie di Industria 4.0 è fondamentale, perché supporta il raggiungimento di diversi obiettivi:

  • riduzione dei consumi energetici e di materie prime utilizzate per la produzione
  • diffusione di innovazioni che migliorano l’immagine dell’azienda e la comunicazione al suo interno
  • ottenimento semplificato di certificazioni ed etichette ambientali, grazie al monitoraggio dell’intero ciclo produttivo e della supply chain
  • sviluppo sostenibile basato sul principio Reduce, Reuse, Recycle – ridurre, riutilizzare, riciclare.

Scopri le soluzioni Audaces per il mondo della moda

Audaces Marker

abbigliamento produzione

Audaces Marker è un software avanzato per il piazzamento automatico nel settore della moda, progettato per ottimizzare l’utilizzo del tessuto e ridurre gli sprechi. Offre funzionalità che permettono di ottenere piazzamenti di tessuto più efficienti rispetto ai metodi manuali, risparmiando fino al 13% di materiale. Il programma supporta la personalizzazione dei piazzamenti e l’integrazione con la stampa digitale, accelerando il processo produttivo e migliorando il rispetto delle scadenze di consegna, con un impatto significativo sulla sostenibilità e redditività dell’azienda.

Audaces Digiflash

produzione abbigliamento

Audaces Digiflash consente di digitalizzare i cartamodelli con la massima precisione in una semplice foto. Disponibile in modalità lavagna o tavolo, è la soluzione ideale per trasferire il proprio archivio in digitale, ma anche per sviluppare le taglie in modo più veloce. Il primo passo verso la digitalizzazione della modellistica!

La trasformazione digitale è prima di tutto un cambiamento culturale, proprio come l’attenzione ai temi ambientali e di sostenibilità. Per ottenere risultati tangibili, quindi, occorre che tutta l’azienda sia formata e informata rispetto ai valori da allineare a quelli di un mercato più consapevole, agli obiettivi da raggiungere e agli strumenti a disposizione per farlo.

Se desideri sapere di più su come le tecnologie ispirate all’industria 4.0 potrebbero aiutarti nella produzione abbigliamento, ti invitiamo a scaricare il nostro ebook gratuito compilando il form!

FAQ

Che cosa comprende il processo di produzione dell’abbigliamento?

Il processo di produzione dell’abbigliamento inizia dal disegno creativo e dalla realizzazione dei bozzetti delle collezioni, procede con la creazione della scheda tecnica e dei cartamodelli, segue la produzione dei capi campione e si conclude con il taglio dei tessuti, il confezionamento, il packaging, la logistica e la distribuzione.

In che modo l’industria 4.0 influisce sulla produzione di abbigliamento?

L’industria 4.0 ha portato all’integrazione avanzata tra software e hardware nel settore della moda, facilitando processi autonomi e ottimizzati.

Quali sono i vantaggi di una maggiore integrazione digitale nel ciclo di vita del prodotto di moda?

L’integrazione digitale permette la gestione unificata di tutte le fasi del ciclo di vita di un prodotto, dalla progettazione alla distribuzione, migliorando l’efficienza e riducendo i tempi di produzione.

Circa l’autore

Audaces

Audaces è punto di riferimento mondiale nello sviluppo di soluzioni innovative per il settore moda, integrando processi, persone e tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi cercare qualcosa?
Cerca

Piu recente

Articoli Correlati