L’automazione industriale nel contesto delle confezioni 4.0: scopri tutti i benefici7 min read

Sappiamo che il futuro dell’abbigliamento è digitale e automatizzato, ma all’interno di questa nuova realtà molti termini e concetti sembrano ancora molto teorici e lontani, vero?

Una delle differenze più spinose, ad esempio, è la differenza tra automazione e automatizzazione.

In questo articolo cercheremo di fare una panoramica sul concetto di automazione e di spiegare come si distingue da concetti simili e come è legato all’universo dell’abbigliamento. Continuate a leggere se il tema vi interessa!

Cos’è l’automatizzazione industriale?

Per automatizzazione si intende è l’atto di automatizzare singoli processi (qui intesi in senso ampio come qualsiasi azione dotata di uno specifico modo di realizzazione e di una durata determinata), ma non in modo completamente indipendente.

In altre parole, l’automatizzazione consiste nel rendere automatici singoli processi e compiti ripetitivi, ma in un modo che dipende almeno in parte dall’interferenza umana.

Potremmo dire che l’automatizzazione è un processo automatico ma semi-dipendente, in cui i dispositivi dipendono da alcune azioni umane per il buon svolgimento delle loro funzioni.

L’origine dell’automazione industriale

L’automatizzazione come concetto esiste dalla seconda guerra mondiale, negli anni ’40. Qualche decennio più tardi il matematico Alan Turing, inventore del primo computer e del famoso Test di Turing, iniziò a sviluppare i primi algoritmi applicati nell’Intelligenza Artificiale, nell’informatica e nella computer science.

Ecco perché in questo contesto l’automatizzazione industriale è prevalentemente una caratteristica della cosiddetta Industria 3.0, il modello di transizione in cui si trovano oggi molti modelli di produzione e iniziato negli anni ’70.

L’automatizzazione industriale è molto legata all’informatica e ai sistemi informatici prima dell’introduzione dell’intelligenza artificiale come scienza e modello standard dello sviluppo dei moderni dispositivi elettronici e macchinari industriali.

Qual è la differenza tra automazione, automatizzazione e meccanizzazione?

Siamo arrivati a un punto molto importante: la differenza tra automazione, automatizzazione e meccanizzazione. Tutti e tre i concetti condividono punti di somiglianza e differenze e fanno parte del complesso insieme di tecnologie il cui obiettivo principale è quello di facilitare e rendere più semplice, dinamico e redditizio il lavoro e i processi.

Inoltre, non è solo l’ambiente industriale a beneficiare di queste tecnologie. Nella vita quotidiana siamo in costante contatto con varie forme di tecnologie, risorse e dispositivi automatici, autonomi e meccanizzati.

Ma allora, qual è la differenza tra questi concetti? Possiamo suddividerli in livelli tecnologici come segue:

  • Meccanizzazione: è un concetto semplice e si applica all’uso di macchine e attrezzature per ottimizzare il rapporto sforzo x tempo nell’esecuzione di qualche attività (per esempio: macchine agricole, carrucole e simili);
  • Automatizzazione: automazione non intelligente. I dispositivi sono in grado di rendere automatici singoli compiti e processi, ma non di stabilire relazioni complesse con il loro ambiente e di imparare da esso (per esempio: nastri trasportatori, macchine da taglio e da cucire, ecc;)
  • Automazione: questo è un concetto complesso che fa riferimento a diverse aree di conoscenza, in particolare all’ingegneria, alla robotica e all’informatica. L’automazione è la capacità di automatizzare i compiti in modo intelligente, con la minima interferenza umana e per mezzo di dispositivi e tecnologie intelligenti in grado di comprendere profondamente l’ambiente in cui sono inseriti – machine learning – (per esempio, sale di taglio automatizzate, software di gestione, ecc).

Possiamo anche intendere questi concetti come fasi di sviluppo dei modi di produzione. Tuttavia, vale la pena notare che sono anche indipendenti, dal momento che soddisfano obiettivi simili ma non identici.

Come funziona l’automazione industriale?

Come abbiamo detto, l’obiettivo principale dell’automazione, anche nel contesto industriale, è quello di operazionalizzare i processi e renderli automatici, nonostante la necessità dell’intervento umano, soprattutto per le correzioni di errori operativi e simili.

È proprio questo il principale indicatore di performance di un’industria che ha investito nell’automazione industriale. In quei contesti, infatti, è possibile osservare macchine e software che sostituiscono l’attività umana in compiti ripetitivi, accelerando il processo di produzione, rendendolo più efficiente e standardizzato.

L’automazione è un grande alleato di un’altra pratica molto importante per le industrie e i produttori di abbigliamento: la pianificazione e il controllo della produzione (PCP). Rendere le attività automatiche facilita il controllo su di esse e, di conseguenza, le rende più agili e meno soggette a errori che possono costare tempo e denaro alla produzione.

Uno dei grandi esempi di automazione industriale in pratica (e che si integra anche con il PCP) è il cosiddetto controllore logico programmabile (PLC), un dispositivo in grado di ottenere e condividere informazioni in tempo reale sul funzionamento di una particolare macchina e che allo stesso tempo può essere programmato per emettere avvisi di malfunzionamento e interrompere i processi difettosi.

Si tratta, quindi, di una forma di automazione che implica l’intervento umano (poiché il dispositivo stesso deve essere programmato).

In quali aree si può implementare l’automazione industriale?

Tutte le aree possono beneficiare dell’automazione, in tutte le fasi dell’industria: nella fabbricazione, nella produzione, nella distribuzione ecc.

Qual è l’importanza di avere processi industriali automatizzati nel settore della moda?

Nell’industria dell’abbigliamento, caratterizzata da una dipendenza dai processi manuali (modellistica, scheda tecnica, prototipi, ecc.), l’automazione gioca un ruolo fondamentale per le fasi creative e tecniche. Consente infatti di alleggerire il carico di lavoro dei professionisti coinvolti e di generare un ciclo del prodotto più breve, più snello e più assertivo.

È molto comune pensare alla moda come ad un settore quasi artigianale (anche nelle grandi aziende di abbigliamento). Tuttavia, dall’ascesa del prêt-à-porter e dei grandi magazzini, è sempre più normale che i processi che un tempo erano interamente manuali diventino, almeno in parte, automatizzati. Questo è il meglio dei due mondi: la tecnologia al servizio dell’industria della moda.

Quali sono i vantaggi dell’applicazione dell’automazione industriale nel settore dell’abbigliamento?

Ci sono molti vantaggi nell’investire in tecnologia nell’industria dell’abbigliamento. Di seguito elenchiamo i principali:

Riduce il tempo di produzione delle collezioni

L’ottimizzazione del tradizionale lavoro manuale nell’industria dell’abbigliamento permette di pianificare ed eseguire le mansioni in meno tempo senza perdere qualità. Questo si traduce in collezioni più grandi, più redditizie e più agili.

Permette uno standard di qualità

La standardizzazione è uno dei grandi vantaggi dell’automazione, poiché, programmate, le macchine eseguono le loro attività nello stesso schema che, quando ottimizzato e perfezionato, può garantire un più alto standard di qualità per i capi e per la produzione del produttore di abbigliamento.

Riduce i costi

La riduzione dei costi è uno dei benefici indiretti dell’automazione. Questo perché, aumentando l’efficienza produttiva, è anche possibile identificare gli sprechi, i costi invisibili e altri colli di bottiglia produttivi che, una volta risolti, portano a una maggiore redditività.

Vuoi sapere di più su questo beneficio e capire come risparmiare risorse nella produzione? Dai un’occhiata al seguente ebook prodotto dal team di esperti di Audaces:

Ottimizza l’uso di materie prime

La sostenibilità è una delle maggiori preoccupazioni dell’industria della moda, soprattutto negli ultimi anni. Attraverso la standardizzazione e l’ottimizzazione della catena di produzione si elimina lo spreco di materie prime, un vantaggio che è ancora maggiore con l’automazione ma che è presente anche nell’automazione industriale.

Rende i processi più scalabili

La scalabilità, cioè la capacità di produrre di più con la stessa quantità di risorse, è uno dei grandi obiettivi dei produttori che vogliono crescere ed espandere il loro business, aumentando la quantità di pezzi per collezione e rendendo la loro produzione più agile.

Grazie all’automazione non solo delle fasi, ma dei processi, è possibile che questo obiettivo diventi una realtà.

Garantisce una maggiore precisione e qualità dei pezzi

Un altro vantaggio che accompagna la standardizzazione è la precisione, una caratteristica fondamentale per una confezione efficiente. Quindi, investire in tecnologie di automazione/automazione è il passo giusto verso una produzione precisa e di qualità, che si traduce in un prodotto finale invitante per il consumatore.

Conclusioni

L’automazione, intesa come inserimento di tecnologie nel contesto industriale con l’obiettivo di massimizzare e ottimizzare l’efficienza produttiva, è uno dei passi essenziali che le industrie di abbigliamento devono prendere in considerazione per diventare fabbriche intelligenti e competitive sul mercato.

Come abbiamo visto ci sono delle differenze significative tra l’automatizzazione industriale e l’automazione, la principale delle quali è la presenza dell’IA in misura maggiore o minore.

Ti invitiamo a continuare a seguire il blog di Audaces per avere accesso ai migliori contenuti sulla tecnologia industriale, Industria 4.0 e tecnologia tessile. Segui i nostri post e non perdere nessun aggiornamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi cercare qualcosa?
Cerca

Piu recente

Circa l’autore
Audaces
A Audaces é uma multinacional brasileira especializada em soluções para negócios de moda.
Circa l’autore
Audaces
A Audaces é uma multinacional brasileira especializada em soluções para negócios de moda.

Articoli Correlati