Ecco quello che devi sapere sulle fibre tessili e le loro proprietà10 min read

Sintesi:

  • Le fibre tessili sono l’elemento base di ogni tessuto;
  • Conoscerne le proprietà e tutte le varietà è fondamentale per creare capi di moda con successo;
  • Pianifica la tua collezione con gli strumenti Audaces! Prova la multisoluzione Audaces360 gratuitamente.

Prova a fare un esperimento e a guardarti attorno: quanti tessuti riesci a riconoscere? Non pensare solo a quelli degli indumenti che indossi. Pensa anche al rivestimento della sedia o del divano su cui ti trovi, alle tende, oppure al sedile della tua auto.

Le fibre tessili sono l’elemento fondamentale di ogni tessuto: sono loro a dare origine al filato, cioè al filo continuo che viene utilizzato per confezionare i tessuti.

Ma quanti tipi di fibre tessili esistono? Quali caratteristiche li contraddistinguono?

Se ti interessa scoprirlo, continua a leggere!

Perché è importante conoscere le fibre tessili?

La conoscenza delle fibre tessili è fondamentale perché costituisce la base dell’intera industria tessile. Ogni fibra, infatti, possiede caratteristiche uniche che influiscono direttamente sulla qualità, la durata, le caratteristiche termiche e il comfort del prodotto finale.

Inoltre, riconoscere le diverse fibre tessili aiuta a curarle e a mantenerle correttamente, assicurando che i tessuti resistano alla prova del tempo.

In un mondo sempre più attento all’impatto ambientale, la comprensione dell’origine e del processo di produzione delle fibre contribuisce alle pratiche sostenibili, favorendo un approccio più responsabile ed ecologico alla moda e al settore tessile.

Nel complesso, una comprensione completa delle fibre tessili è indispensabile per chiunque sia coinvolto nell’industria, dal design, fino al consumo e allo smaltimento.

Scopri di più: Tipi di tessuto: lista dalla A a Z

Trial Audaces360

Come si formano i tessuti e le strutture tessili?

I tessuti e le strutture tessili si formano attraverso vari processi e tecniche, a seconda del tipo di fibre e del prodotto finale desiderato. 

In generale, il processo di creazione del tessuto più comune prende il nome di tessitura e avviene tramite l’intreccio tra i fili dell’ordito (in orizzontale) e quelli della trama (in verticale). 

Per compiere questo processo, lo strumento fondamentale è il telaio, uno degli oggetti più antichi al mondo.

Dopo la formazione primaria, i tessuti vengono sottoposti a processi di finitura come tintura, stampa e rivestimento per migliorare l’aspetto, il colore o la funzionalità.

La comprensione accurata dei processi di formazione del tessuto aiuta a produrre un’ampia gamma di tessuti con proprietà, strutture e applicazioni diverse, in grado di soddisfare le diverse esigenze di industrie e consumatori.

Scopri di più: Tessuto corretto per l’abbigliamento: scopri quali sono i migliori tessuti per ogni capo

Rapporto tra fibre tessili e filati

La fibra tessile è la materia prima necessaria alla produzione dei filati. Si tratta di materiali che possono avere diverse origini e caratteristiche, come ad esempio lunghezza, resistenza e elasticità.

Il processo di trasformazione della fibra tessile in filato prende il nome di tessitura. Mentre storicamente la filatura avveniva manualmente, oggi solitamente ci confrontiamo con la filatura meccanica o industriale.

Questa avviene in grandi stabilimenti, dove giganteschi macchinari eseguono in automatico tutti i passaggi.

Classificazione delle fibre in relazione alla loro origine

Classificazione delle fibre in relazione alla loro origine

Le fibre tessili hanno proprietà, caratteristiche e necessità diverse in base alle loro origini.

Ecco tutti i tipi di fibre tessili:

Fibre tessili naturali

Le fibre naturali rappresentano il 40% delle fibre tessili utilizzate al mondo e si trovano in natura sotto forma di filamenti più o meno lunghi.

A loro volta si suddividono in due categorie:

Fibre di origine animale

Si tratta delle fibre che si ricavano dal bulbo pelifero animale e da quelle ottenute per secrezione dai bozzoli di lepidotteri o acari.

Rientrano nella prima specie la lana di pecora, di alpaca, di vigogna, di cachemire e di cammello, mentre nella seconda la seta e il bisso. 

Le caratteristiche principali di queste fibre? Sia la seta che la lana sono fibre che si tingono facilmente, ben traspiranti e sono cattive conduttrici di calore. Devono essere lavate a bassa temperatura, con detersivi neutri o leggermente alcalini.

Fibre vegetali

Sono le fibre ottenute a partire dalla cellulosa delle piante e possono essere ricavate da varie parti della pianta: dai semi (come il cotone e il kapoc), dallo stelo (lino, canapa, juta, ramiè), dalle nervature della foglia (rafia, sisal) e dal frutto (cocco).

Tra tutte queste fibre la più comunemente utilizzata è il cotone, ricavato dalla peluria che avvolge i semi di una pianta della famiglia delle Malvacee.

Normalmente le fibre vegetali hanno una ripresa termica eccellente, alta conducibilità termica e si tingono con facilità. Assorbono bene la traspirazione, anche se non come la lana.

Scopri di più: Wax: storia, origine e significato di un tessuto speciale

Fibre tessili artificiali

Le fibre tessili artificiali vengono prodotte dall’uomo a partire da fibre già presenti in natura, in genere la cellulosa, attraverso semplici trasformazioni chimiche.

Queste trasformazioni vengono effettuate poiché i polimeri in natura si presentano con una superficie irregolare o una lunghezza insufficiente per poter essere trasformati in fili.

Queste fibre, proprio per il fatto di essere artificiali, presentano diversi vantaggi: il loro diametro può raggiungere finezza e lunghezza desiderate, è possibile controllare brillantezza e opacità, si possono tingere in qualsiasi momento della lavorazione e si ha una resa maggiore grazie all’assenza di impurità.

Fibre tessili sintetiche

Le fibre tessili sintetiche sono ottenute attraverso processi di sintesi anche complessi che partono da materie prime raramente disponibili in natura. Sono note anche come man made, ossia realizzate dall’uomo.

Le fibre sintetiche rappresentano il 55% delle fibre prodotte per l’abbigliamento e l’arredo e sono suddivise in “famiglie” in base alla classificazione dei polimeri che le costituiscono. Le principali fibre sintetiche sono il nylon, le fibre poliestere e le fibre acriliche.

Le fibre sintetiche sono caratterizzate da un basso peso specifico che consente un’elevata resa di tessuto, termoplasticità, idrorepellenza, facilità di lavaggio e resistenza all’usura.

Di contro, le caratteristiche negative sono una bassa stabilità al calore, un modesto assorbimento dell’umidità, scarsa traspirazione e elettrostaticità.

Inoltre, essendo tessuti idrorepellenti, sono difficili da tingere e necessitano di coloranti speciali.

Riconoscere lato dritto e rovescio dei tessuti 

Per distinguere il lato dritto del tessuto si possono usare varie tecniche, anche a seconda del tessuto utilizzato. In alcuni casi sarà possibile farlo anche a colpo d’occhio.

In altri casi invece bisognerà guardare come è stato piegato il tessuto, da che parte sono i fori applicati dalla macchina da cucire, o riconoscendo il lato più morbido e luminoso.

E’ importante saper distinguere il dritto del tessuto, poiché la parte dritta è più resistente, oltre che più bella, quindi doppio vantaggio. 

Scopri di più: Come riconoscere il dritto di un tessuto: impara a distinguerlo

10 modi principali di lavorazione dei tessuti 

fibre tessili lavorazioni

La lavorazione delle fibre tessili può prevedere diversi passaggi, a seconda del tipo di fibra e del risultato desiderato.

Vediamo i principali:

1. Il candeggio

Il candeggio è un processo di trattamento chimico utilizzato per rimuovere il colore naturale, le impurità o le macchie dai tessuti.

Comporta l’uso di agenti sbiancanti per schiarire il colore delle fibre e creare un aspetto uniformemente bianco o chiaro.

2. Sbiancamento ottico

Il candeggio ottico, noto anche come sbiancamento o schiaritura fluorescente, è un processo che prevede l’applicazione di sbiancanti ottici ai tessuti.

Questi sbiancanti assorbono la luce ultravioletta e la riemettono sotto forma di luce blu visibile, facendo apparire il tessuto più bianco e luminoso.

3. Sbiancamento

Lo sbiancamento è un processo che prevede il lavaggio di tessuti o fibre con acqua calda, detergenti e alcali per rimuovere impurità, oli naturali e cere.

Questo pretrattamento prepara il tessuto a processi successivi come la tintura o il finissaggio.

4. Sanforizzazione

La sanforizzazione è un trattamento che serve a stabilizzare le dimensioni del tessuto, in particolare per ridurre il calo fisiologico del tessuto in seguito al lavaggio.

Un capo realizzato con un tessuto sanforizzato, quando verrà lavato, subirà accorciamento nullo o inferiore rispetto ad uno realizzato con tessuto non sanforizzato.

5. Calandratura

La calandratura è un processo di finitura che prevede il passaggio del tessuto attraverso rulli ad alta pressione e temperatura.

Questo processo conferisce al tessuto una superficie liscia e lucida, ne aumenta la brillantezza e ne migliora la mano.

6. Fiammatura o gassatura

La fiammatura o gassatura è un processo in cui il tessuto viene esposto a una fiamma libera o a una temperatura elevata per bruciare le fibre sporgenti.

In questo modo si ottiene una superficie più liscia, riducendo il pilling e migliorando l’aspetto del tessuto.

7. Degassificazione

Il degasaggio è la rimozione di gas, spesso aria, da un materiale.

Nel contesto dei tessuti, può comportare la sottoposizione del materiale al vuoto o ad altri metodi per eliminare l’aria o i gas intrappolati.

8. Mordenzatura

La mordenzatura è il procedimento necessario a preparare le fibre per la tintura con i coloranti naturali, in modo da facilitare il legame tra le fibre ed i coloranti naturali rendendoli stabili.

9. Svasatura

La svasatura è un processo di finitura in cui i bordi del tessuto vengono piegati, arrotolati o legati per creare un bordo decorativo o funzionale.

Viene spesso utilizzato per biancheria da letto, asciugamani o altri prodotti tessili.

10. Levigatura

La levigatura è un processo di finitura meccanica in cui i tessuti vengono abrasi con carta vetrata o rulli abrasivi per ottenere una superficie più morbida, testurizzata o affilata.

Questo processo è spesso utilizzato per il denim e altri tessuti casual.

Produci capi di alta qualità con la tecnologia Audaces

Dashboard Audaces360

Dopo aver imparato a riconoscere i diversi tipi di tessuto, è il momento di trovare gli strumenti giusti per dare vita ai tuoi tessuti producendo capi meravigliosi!

Le soluzioni Audaces possono aiutarti a tradurre le tue idee in realtà, dalla creazione fino alla produzione.

Audaces360

Audaces360 è una soluzione completa che integra tecnologie avanzate per ottimizzare i processi produttivi dell’industria tessile, adatta ad aziende di ogni dimensione e tipologia.

Una piattaforma pensata sulla base delle esigenze dell’industria tessile e dell’abbigliamento e progettato per ottimizzare e snellire il processo produttivo. 

Audaces360 offre un’ampia gamma di funzionalità, tra cui il disegno e l’approvazione digitale dei modelli, il taglio e il piazzamento dei tessuti, la gestione della produzione e l’integrazione con altri macchinari tessili.

È una soluzione perfetta anche per testare più varianti di tessuto!

Sala Taglio Audaces

Se desideri portare all’eccellenza il processo di taglio, la Sala Taglio Audaces è quello che fa per te. Audaces lavora da trent’anni nelle aziende proponendo progetti di sala taglio personalizzati in grado di adattarsi ai bisogni dei brand. 

Audaces Neocut Bravo è una macchina ad alta performance e semplice da usare per un taglio perfetto dal primo all’ultimo strato. Si adatta perfettamente sia al taglio di materiali pesanti, sia ai tessuti più leggeri. 

Neocut Bravo può essere integrata allo stenditore Audaces Linea per stesure della massima qualità, con allineamento perfetto dei bordi, controllo della tensione del tessuto e calcolo automatico dei metri di tessuto utilizzato. 

Ricordati che l’acquisto di soluzioni tecnologiche per la tua azienda può essere sostenuto da incentivi e finanziamenti nazionali.

Per approfondire le opportunità a tua disposizione, scarica la nostra guida compilando il form qui sotto!

FAQ

Perché è importante conoscere le fibre tessili?

La conoscenza delle fibre tessili è fondamentale perché ogni fibra possiede caratteristiche uniche che influiscono direttamente sulla qualità, la durata, le caratteristiche termiche e il comfort del prodotto finale.

Come si classificano le fibre tessili in base alle loro origini?

Le fibre tessili possono essere naturali (di origine animale o vegetale), artificiali o sintetiche.

Quali sono le 10 principali tecniche di lavorazione dei tessuti?

Candeggio, sbiancamento ottico, sbiancamento, sanforizzazione, calandratura, fiammatura o gassatura, degassificazione, mordenzatura, svasatura, levigatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi cercare qualcosa?
Cerca

Piu recente

Circa l’autore
Audaces
A Audaces é uma multinacional brasileira especializada em soluções para negócios de moda.
Circa l’autore
Audaces
A Audaces é uma multinacional brasileira especializada em soluções para negócios de moda.

Articoli Correlati