Scopri come usare il cerchio cromatico a favore della tua collezione8 min read

Sintesi:

  • Il cerchio cromatico è una rappresentazione dei colori primari, secondari, terziari e delle loro varianti;
  • È suddiviso in 12 parti e passa per tutte le tonalità conosciute;
  • Crea i modelli della tua collezione in un ambiente 3D gratuitamente, con la multisoluzione Audaces360!
Prova Gratuita 15 Giorni

I colori sono un mezzo per esprimere la personalità, con il potere di cambiare persino l’umore di chi li indossa.

Per questo è molto importante padroneggiare il concetto di cerchio cromatico e utilizzarlo a favore delle tue collezioni. Il cerchio cromatico consente di generare infinite combinazioni di colori per esprimere i messaggi che vuoi inviare con i tuoi abiti.

Scopri di più sul cerchio cromatico e su come questo strumento può ispirare il prossimo lancio dei tuoi capi.

Buona lettura!

Che cos’è il cerchio cromatico?

Che cos'è il cerchio cromatico? 

Il cerchio cromatico, conosciuto anche come ruota dei colori, è la rappresentazione dei colori primari, secondari e terziari e delle loro variazioni.

Il cerchio è diviso in 12 parti, come una pizza, partendo dal rosso, passando per i colori dell’arcobaleno (arancione, giallo, verde, blu e blu indaco) e terminando con il viola.

Oltre che nella moda, il cerchio dei colori viene utilizzato in diversi settori, come la decorazione e il design grafico, rendendo più semplice – e molto facile – la scelta di colori che si abbinano tra loro o che creano un contrasto, quando questa è l’intenzione.

Storia della ruota dei colori

Il responsabile della creazione della ruota dei colori è Isaac Newton, che nel XVII secolo fece una scoperta rivoluzionaria.

I colori, contrariamente a quanto si pensava, non erano variazioni del colore bianco, ma parti di esso. Così, Newton definì questi colori (quelli che fanno parte dell’arcobaleno) come colori fondamentali, in analogia con le sette note musicali.

Inoltre, lo scienziato ruppe il sistema lineare dei colori, che aveva le caratteristiche del chiaro e dello scuro, per organizzarli in un cerchio, secondo il loro passaggio dal rosso al viola.

Questo significa che i colori possono essere infinite miscele e variazioni di altri, sempre con una nuova tonalità che ancora non conosciamo.

Questo, tra l’altro, è il lavoro di molti artisti: sviluppare un colore totalmente nuovo – almeno ai nostri occhi!

Scopri di più: Come creare una cartella colori per elevare la tua collezione di abbigliamento

A cosa serve il cerchio cromatico?

Come ogni forma di rappresentazione, il cerchio cromatico ha lo scopo di rendere visivo lo schema dei colori e le relazioni che essi stabiliscono tra loro. In altre parole, osservare il sistema da una nuova prospettiva e ampliare le possibilità di combinazione.

Inoltre, la rappresentazione cromatica è indispensabile anche per i professionisti che si occupano direttamente di design, decorazione, moda e altri settori che dipendono dall’influenza dei colori.

Nel segmento della moda, i colori giocano un ruolo fondamentale nella composizione delle collezioni, dei look e dicono molto sullo stile di ogni consumatore.

I colori del cerchio cromatico

I colori del cerchio cromatico 

Le 12 parti del cerchio cromatico si dividono in tre colori primari, tre colori secondari e sei colori terziari, tutti situati ai bordi del cerchio.

Un colore terziario si forma mescolando in parti uguali un colore primario e uno secondario. Il colore secondario, invece, deriva dalla mescolanza in parti uguali di due colori primari. I colori primari, invece, non derivano dalla mescolanza di altri colori (sono detti puri).

Vuoi sapere di più su ciascuna di queste classificazioni? Ecco qui una spiegazione:

Colori primari

Sono i colori di base. Tutti gli altri colori nascono a partire da essi, sia da miscele dirette che indirette. I colori primari sono il rosso, il giallo e il blu, che si trovano al centro del cerchio cromatico.

Colori secondari

Derivati dalla combinazione di due colori primari, i colori secondari sono il viola (rosso + blu), il verde (giallo + blu) e l’arancione (rosso + giallo). Sulla ruota dei colori si trovano accanto ai colori primari.

Colori terziari

Nascono da miscele di colori secondari e contengono quindi anche i colori primari. I sei colori terziari della ruota dei colori sono: rosso-arancio, giallo-arancio, giallo-verde, verde-blu, blu-viola e rosso-viola.

Come applicare le combinazioni del cerchio cromatico nelle collezioni di moda?

Ora che conoscete i colori principali della ruota dei colori, è il momento di provare a creare combinazioni tra di loro per formare composizioni di look.

È importante distinguere la combinazione dei colori del cerchio cromatico tra loro (primari, secondari, terziari, ecc.) dalla combinazione tra colori, detta anche abbinamento.

La maggior parte delle collezioni di moda utilizza questi concetti nelle proprie composizioni. È quindi importante che sappiate come applicarli.

Segui i suggerimenti che seguono per un migliore sviluppo dei tuoi capi:

1. Usa la creatività a tuo vantaggio

A prescindere dall’armonia, non è necessario combinare solo colori della stessa tonalità, come i toni pastello o i toni vivaci.

È possibile mescolare tutte le caratteristiche e usare la propria creatività, magari aggiungendo anche elementi in colori neutri, che non fanno parte del cerchio cromatico, per un look equilibrato.

Scopri di più: Stili di moda: qual è il tuo?

2. Prova ad aggiungere tonalità, tessuti e materiali

Prova ad aggiungere tonalità, tessuti e materiali 

Provare diverse composizioni di colori aiuta a creare la tavolozza della collezione.

La sperimentazione aiuta a valutare le tonalità utilizzate, la luminosità e la saturazione, consentendo di individuare se due o più colori si abbinano tra loro e come dialogano con altri tipi di tessuti e materiali prima della tintura.

Scopri di più: Il significato del colore verde nell’arredamento e nella moda

3. Considera tutti gli elementi della collezione

Quando si scelgono i colori per la propria collezione, è importante osservare alcuni elementi per avere una visione complessiva.

Nel definire i colori della collezione, tieni sempre presente il tuo pubblico di riferimento, perché è lui che indosserà i capi. Non ha senso, quindi, investire in capi dai colori neon per un pubblico dallo stile più classico, ad esempio.

Inoltre, bisogna considerare il concetto della collezione e il periodo dell’anno in cui verrà lanciata. Stagioni come la primavera e l’estate richiedono colori più vivaci e brillanti, mentre l’autunno e l’inverno sono caratterizzati da colori più sobri.

Scopri di più: Scopri i termini più rilevanti nel settore fashion con il dizionario di moda

4. Considera le specificità di ogni segmento

Ogni segmento della moda può essere associato a colori più specifici.

Un esempio è quello dei pigiami e delle camicie da notte. Per questi ultimi è comune investire in tonalità pastello, perché sono colori che emanano tranquillità e calma per un buon sonno.

Per una collezione di abiti destinati a chi pratica esercizi fisici, invece, di solito si utilizzano colori più vivaci, che trasmettono energia.

Mentre per una collezione più incentrata su capi sartoriali, i colori più sobri hanno di solito un risultato migliore.

Scopri di più: Big Data: cosa sono e che ruolo possono avere nelle confezioni

Applica il cerchio cromatico e personalizza i tuoi colori con Audaces Isa

La tecnologia può aiutarti a prendere decisioni più efficaci per la tua azienda di abbigliamento e Audaces Isa è una delle soluzioni che fanno parte di questo movimento.

Audaces Isa è un software completo e tecnologico, che permette di gestire il ciclo di vita dei prodotti per il lancio della tua collezione di moda.

Con l’aiuto del nostro Fashion PLM, è possibile:

  • Semplificare la pianificazione creando mappe visive della collezione;
  • Definire tappe chiare in modo che tutto il team segua lo stesso obiettivo;
  • Anticipare i costi e accelerare l’approvazione della collezione;
  • Tracciare la fase di ogni modello, migliorando il flusso di lavoro;
  • Creare uno storico dei modelli già sviluppati;
  • Riutilizzare i modelli come base per la pianificazione delle collezioni successive;
  • Visualizzare i report basati sulle informazioni relative ai tuoi capi.

Scarica subito il nostro e-book gratuito per sapere di più su questo potente sistema!

FAQ

Cos’è un cerchio cromatico?

Il cerchio cromatico è la rappresentazione dei colori primari, secondari e terziari e delle loro variazioni.

Da quanti colori è formato il cerchio cromatico?

In tutto, il cerchio è diviso in 12 parti, a partire dal rosso, passando per i colori dell’arcobaleno (arancione, giallo, verde, blu e blu indaco) e terminando con il viola.

A cosa serve il cerchio cromatico?

Come ogni forma di rappresentazione, il cerchio cromatico mira a rendere visiva la combinazione di colori e le relazioni che essi stabiliscono tra loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi cercare qualcosa?
Cerca

Piu recente

Circa l’autore
Audaces
A Audaces é uma multinacional brasileira especializada em soluções para negócios de moda.
Circa l’autore
Audaces
A Audaces é uma multinacional brasileira especializada em soluções para negócios de moda.

Articoli Correlati