Audaces - We are the industry 4.0

Design de moda com foco em resultados para seu negócio

Ícone de Pesquisa
circuito azul e roxo

16/02/2022

Big Data: cosa sono e che ruolo possono avere nelle confezioni

Big Data è un concetto che si riferisce a grandi e complessi insiemi di dati e comprende anche tutte le attività relative ai sistemi che li manipolano.

La creazione e l’immagazzinamento delle informazioni hanno subito cambiamenti radicali nel corso della storia, grazie all’evoluzione della tecnologia e delle comunicazioni.

Se vuoi capire nel dettaglio cosa sono i Big Data, come sono nati e che relazioni hanno con l’Industria 4.0 e con il settore tessile, continua a leggere questo post che abbiamo preparato per te.

Le origini dei Big Data

Anche se il termine Big Data come tale ha iniziato ad essere ampiamente utilizzato negli anni novanta, la sua storia risale al tempo in cui sono comparsi i primi metodi di organizzazione dei dati. 

Le prime forme di archiviazione delle informazioni riconosciute sono datate intorno al 2000 a.C. quando, come è noto, erano già presenti metodi rudimentali di conservazione dei dati. 

La Biblioteca di Alessandria è uno dei più grandi esempi di archiviazione di dati nell’antichità, al punto che il suo fine ultimo era proprio quello di riuscire a memorizzare tutta la conoscenza dell’umanità (impossibile anche solo da immaginare oggi!). Sfortunatamente la biblioteca è stata distrutta nel 48 a.C. dall’invasione dei romani, quando poteva contare su circa mezzo milione di documenti. 

Oggi le informazioni vengono generate ininterrottamente e i metodi di archiviazione si sono adattati ai tempi e alla tecnologia, diventando sempre più sofisticati. 

L’evoluzione della tecnologia non solo facilita l’analisi dei dati, ma è responsabile anche dell’aumento della loro generazione. 

Nel 1931 in Germania è stato creato il primo computer considerato tale; nel 1977 l’azienda Apple ha ideato il primo personal computer su larga scala. 

Nel 1991 è nato internet, che ha dato il via alla più grande rivoluzione nella raccolta, archiviazione e analisi dei dati. 

Con l’avvento dei telefoni cellulari connessi a internet, la connettività continua contribuisce a generare una mole ancora più significativa di dati. 

Ma quindi cosa sono i Big Data?

In generale possiamo dire che Big Data è un termine che descrive il grande volume di dati che riguardano aziende, organizzazioni, istituzioni, persone, ecc. e hanno bisogno di applicazioni informatiche per poter essere gestiti correttamente

Il volume di dati sta aumentando esponenzialmente da qualche anno a questa parte, e le soluzioni tradizionali di gestione dei dati come i fogli di calcolo non sono sufficienti a gestire questa enorme mole di informazioni.

Le 5V dei Big Data

Per poter parlare di Big Data, devono essere presenti queste 5 caratteristiche:

  • Volume: è difficile identificare un valore limite al di sopra del quale si può parlare di Big Data, ma oggi in genere viene considerata la soglia di 50 Terabyte o tutti i volumi di dati che crescono più del 50% annuo.
  • Velocità: si tratta di dati che nascono e vengono acquisiti sempre più rapidamente e la vera sfida non è soltanto riuscire a raccoglierli, ma anche essere in grado di analizzarli in tempo reale, per poter prendere decisioni di business con la maggiore tempestività possibile.
  • Varietà: i dati oggi disponibili provengono da un numero crescente di fonti eterogenee (sistemi transazionali e gestionali aziendali, ma anche sensori, social network, open data, ecc.). 
  • Veridicità: i dati devono essere affidabili, raccontare il vero. Con i Big Data questa sfida è ancora più difficile da affrontare: cambiano le tecnologie di gestione dei dati, cambia la velocità con la quale i dati vengono raccolti e aumentano le fonti. La qualità e l’integrità delle informazioni rimane però un pilastro imprescindibile per dar vita ad analisi che siano utili e affidabili.
  • Variabilità: molti più dati, in diversi formati e provenienti da diversi contesti. La mutevolezza del loro significato è un aspetto da tenere in considerazione nel momento in cui i dati vengono interpretati. Ancor di più, se a farlo è un utente che lavora in una linea di business e non solo il data scientist.

L’importanza dei dati nell’Industria 4.0

L’Industria 4.0 è caratterizzata da automazione e scambio di dati attraverso l’IoT (Internet of Things), sistemi e dati in cloud. 

Ciò significa che l’Industria 4.0 non solo produce costantemente informazioni, ma le elabora, le immagazzina, le analizza e le sfrutta costantemente, con l’obiettivo di accelerare il processo decisionale, ridurre i tempi di produzione e, infine, aumentare la redditività

Questo sistema è un tutt’uno con l’Industria 4.0, in cui tutte le parti sono collegate e comunicano tra loro. 

I Big Data sono impliciti nell’Industria 4.0, che si basa proprio su soluzioni per la gestione e la manipolazione di grandi volumi di informazioni, facilitando l’intero processo industriale e i suoi risultati. 

I Big Data e Audaces

Audaces 360 è la soluzione 4.0 più completa per l’industria tessile, in cui i Big Data vengono utilizzati al meglio per facilitare il processo di produzione all’interno delle fabbriche 4.0. 

Permettendo di mettere in connessione tutti i settori attraverso il suo software, gestisce tutte le informazioni che raccoglie in modo strutturato e organico. 

La sua tecnologia spazia dalla creazione di modelli di abbigliamento e design, progettazione 4D, fino alla produzione con macchinari specifici per la stesura dei tessuti e il loro taglio. 

In altre parole, dall’inizio del processo di creazione di una collezione di moda fino al taglio dei capi veri e propri, tutte le informazioni e i dati generati rimarranno disponibili e organizzati nel cloud in un unico software, facilmente accessibili in qualsiasi momento dai componenti del team: modelli, commenti, taglie, colori, selezione dei modelli che faranno parte della collezione, prezzi dei tessuti, organizzazione dei tessuti, ecc. 


Vuoi saperne di più?

Vorresti avvicinare la tua azienda all’Industria 4.0 e esplorare il potenziale dei Big Data, magari sfruttando gli incentivi e le agevolazioni fiscali previste dal Piano nazionale Transizione 4.0?

Prenota una demo gratuita con uno dei nostri consulenti, in cui discutere e analizzare assieme le esigenze specifiche della tua azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Você também pode gostar de ler:

como calcular o peso do tecido

06/05/2022

Guida pratica alla produzione di abbigliamento efficiente e sostenibile

Escrito por Audaces

taglio tessuti

27/04/2022

Qualità e precisione nel taglio tessuti: come raggiungere gli obiettivi

Escrito por Audaces

05/04/2022

Come aumentare la produzione di moda risparmiando risorse

Escrito por Audaces

14/03/2022

Integrazione tra software e macchine per una confezione ancora più efficiente

Escrito por Audaces

04/03/2022

Disegno di moda digitale in pochi passi con Audaces 4D

Escrito por Audaces

22/02/2022

30 anni di Audaces: intervista ai fondatori Claudio Grando e Ricardo Cunha

Escrito por Audaces

26/01/2022

Wax: storia, origine e significato di un tessuto speciale

Escrito por Audaces

Professionista dell'Industria 4.0 che utilizza tablet per controllare la macchina del braccio robotico

26/02/2021

Cos’è l’Industria 4.0 e come rivoluzionerà la produzione di moda

Escrito por Audaces

Os 12 estilos de moda: caiba qual é o seu

02/09/2020

Stili di moda: qual è il tuo?

Escrito por Audaces

Il tessuto crêpe cosa e

30/07/2020

Il tessuto crêpe: cosa è?

Escrito por Audaces

20/05/2022

Just in time: cos’è, come funziona, come è applicato nell’industria

Escrito por Audaces

Come sistemare il cavallo dei pantaloni

17/05/2022

Come sistemare il cavallo dei pantaloni con Audaces Pattern

Escrito por Audaces

cartamodelli

10/05/2022

Dai bozzetti ai cartamodelli e oltre: come migliorare i processi (e un regalo speciale)

Escrito por Audaces